ISOLA DI VULCANO

Bagni di Fango
 
Panorama
 
Panorama
 
Panorama
 
Panorama
Cratere
Fù per gli antichi l'isola sacra al dio Efesto, Vulcano per i romani, da cui il nome antico Hierà, sacra.                 
La sua attività vulcanica suscitò l'interesse degli antichi autori classici e ne accese la fantasia: alcuni ne diedero iscrizioni precise, altri mitiche.
Vulcano è la più meridionale delle Isole Eolie: dista sollo 1.000 metri da Lipari, da cui è separata da un vanale molto profondo. Nella parte centrale si levano: nella zona orientale l'edificio vulcanico (m 391); nella zona occidentale i rilievi dei monti Lentia (m 187). Fra queste due alture si estende a semicerchio una pianura, che abbraccia verso sud una parte dell'edificio del vulcano e verso nord si prolunga in un istmo completamente piatto, largo 200 metri. Esso collega Vulcano con Vulcanello, un'edificio vulcanico alto 123 metri.
Sui due lati opposti dell'istmo si aprono le spiagge del Porto di Levante e Porto di Ponente: dagli straordinari colori la prima, dalla finissima sabbia vulcanica nera la seconda
Appena stesi sull'isola si è assaliti dall'odore acre dei gas sulfurei, emessi da fumarole che sono sparse lungo l'istmo ed anche nel mare a nord del Faraglione della Fabbrica e sulla cima del Vulcano.
Il Faraglione della Fabbrica è uno strano pilastro roccioso alto 56 metri, caoticamente colorato di ocra, di giallo, di rosso dai depositi minerali derivanti da un'intensa attività fumarolica. Nel Faraglione si aprono cavità e grotte praticate un tempo per l'estrazione dell'allume: Il Campis, vissuto nel 1600 riferisce che, ai suoi tempi, dall'isola di Vulcano si ricavavano notevoli quantità di legname, di zolfo ed allume. A tale industria pose fine l'eruzione del 1888, che distrusse sia le case che le attrezzature.

ESCURSIONI

Al Gran Cratere di Vulcano (salita di circa un'ora a piedi)
Al Cratere di Vulcanello (salita di circa mezz'ora a piedi)
Alla Piana dell'Istmo (pochi minuti a piedi)
A Vulcano Piano (in autobus: 8 km dal porto di levante) Con questa gita si ha modo di conoscere la parte meridionale dell'isola ed il suo vasto altopiano, formato di lave, di tufi e di sabbie nere, inciso da profondi valloni.
A piedi o in auto si raggiunge, lungo una strada pianeggiante, in un ambiente quasi alpestre, Capo Grillo da cui, nelle giornate limpide, si gode l'incomparabile spettacolo delle isole di Lipari, Panarea, Stromboli incastonate nell'acqua di un profondo blu.
Alle cave di pomice ed alla Grotta dei Rossi. A piedi, costeggiando la base di Vulcano, lungo il lato occidentale e meridionale, si arriva alle cave di pomice, proprio al centro dell'isola. Proseguendo poi verso est e piegando a sud si giunge alla Grotta dei Rossi, scavata nel tufo della parete dell'altopiano, interessante per il colore rosso delle sue rocce.

   

HOME PAGE